lunedì 29 settembre 2014

TORCHIETTI AL NEGRAMARO FATTI A MANO CON VERDURE E RICOTTA SALATA



Quando un progetto nasce così, in una serata qualunque, davanti a una spigola al sale nel tuo ristorante preferito, sorseggiando un bicchiere di ottimo Chardonnay insieme alla tua dolce metà, ti rendi conto che la strada per arrivare a quel momento era già stata intrapresa da molto tempo e che se anche ti sembra di essere all’inizio di un bellissimo ed avventuroso viaggio, in realtà il sentiero più tortuoso, quello che ti ha portato a decidere di partire, è già stato percorso.

Questi torchietti li ho visti in un negozio a Lecce ed è stato amore a prima vista. Per me, appassionata atavica di pasta fresca fatta in casa, provare a riprodurli costituiva una sfida imperdibile.
Il risultato è stato molto soddisfacente e preparali è stato più semplice di quanto avessi pensato. L’unico accorgimento è quello di fare seccare bene la pasta, per almeno ventiquattro ore, quindi va preparata un giorno prima del suo utilizzo.
Basta un po’ di farina di semola di grano duro di buona qualità, un ottimo vino Negramaro (per restare in zona Salento, oppure qualsiasi altro vino rosso a piacere) e un ferretto, di quelli fatti apposta per la pasta fresca. E il gioco è fatto.


TORCHIETTI AL NEGRAMARO FATTI A MANO
CON VERDURE E RICOTTA SALATA


 
Ingredienti per 4 persone

per la pasta
350 g di farina di semola di grano duro
vino Negramaro

per il condimento
1 peperone giallo
1melanzana
1 zucchina
1 cipolla rossa di Tropea
1 cucchiaio di capperi sotto sale
olio extra vergine d’oliva
ricotta salata a piacere
qualche fogliolina di basilico

Preparate la pasta, impastando la farina con il vino, fino ad ottenere un impasto sodo e liscio e abbastanza consistente (non deve essere molto morbido).
Fate riposare la pasta per circa mezz’ora quindi tiratela con un mattarello in maniera che abbia uno spessore di circa un paio di millimetri. Tagliatela a strisce larghe circa 6 o 7 millimetri e avvolgete ciascuna striscia nel ferretto a spirale, premendo leggermente e cercando di far combaciare i lati uno sull’altro.
Tagliate le strisce così arrotolate a pezzi di circa cinque centimetri di lunghezza e poneteli a seccare su un vassoio o su un canovaccio pulito abbondantemente infarinato, teneteli coperti con un telo leggero e fateli seccare per un giorno intero in un luogo riparato e asciutto.



Preparate il condimento.
Pulite e tagliate le zucchine e le melanzane a cubetti di circa due centimetri per lato. Pulite e tagliate il peperone a falde e la cipolla a spicchi. Mettete le verdure in un tegame capiente con due o tre cucchiai d’olio, aggiungete i capperi precedentemente sciacquati e scolati, coprite il tegame con un coperchio e mettete a cuocere a fuoco lento. Le verdure devono cuocere molto lentamente nel loro stesso liquido, fino a che diventeranno tenerissime, facendo attenzione a non farle rompere, girandole senza cucchiaio ma muovendo il tegame ogni tanto. Ci vorrà più o meno un’ora, un’ora e mezza. Verso la fine della cottura, aggiungete un po’ di basilico spezzettato e se necessario del sale.
Quando le verdure saranno cotte, cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata per qualche minuto. Scolatela al dente, conditela con le verdure e spolveratela con la ricotta salata a piacere.

22 commenti:

  1. che bella idea ho visto proprio l'altro giorno sul tg una serie di ricette con il negroamaro, ottimo anche l'abbinamento con le verdure

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un vino fresco che ben si adatta anche per essere utilizzato in cucina. Ciao e grazie!

      Elimina
  2. Direi che il risultato è più che soddisfacente!!! Complimenti Mary i torchietti sono perfetti e di un colore autunnale!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!!! E' vero, colore autunnale ma con un ricordo d'estate :)
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  3. Fantastici!!! Bravissima!!
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  4. Mi sono già innamorata di questi torchietti... sono stupendi e non vedo l'ora di provarli!!! Mari: grazie e un abbraccio :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa Ale che ti piacerebbero, visto che sei una patita come me della pasta fresca :)
      Grazie a te e un abbraccione!

      Elimina
  5. Tu sei un genio della pasta fatta in casa....io c'ho le prove - detto alla maniera di Ceccherini! Favolosi questi torchietti, sei unica ;)

    RispondiElimina
  6. La prima foto sembra un quadro, ricordo un'altra ricetta tua con il grano arso, stupenda anch'essa. Si vede che eri ispirata, perchè questi torchietti sono uno spettacolo alla vista ancor prima che al palato. Da provare subito, visto che adoro il Negramaro! :-) sempre mitica!!!! un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, cara Francy, come appassionata di Salento non potevi non amare anche il Negramaro :) quindi sono certa che ti piacerebbero questi torchietti.
      Un bacione grande!

      Elimina
  7. Fantastici... E tu sei un genio!!!
    Bravissima

    RispondiElimina
  8. Una meraviglia questa ricetta, accostamento di sapori e colori che rende il piatto davvero molto invitante! Bravissima.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabio, il piatto devo dire che se non altro mette allegria, piatto sostanzioso e saporito :)

      Elimina
  9. Stupendo questo piatto, l'idea di impastare la farina con il vino è bellissima e quel condimento di verdure profumate gli rende giustizia.
    Bravissima Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Monica, condire la pasta, in qualunque modo fatta, con le verdure, secondo i miei gusti ne fa uscire sempre un piatto semplice ma buono e sano.

      Elimina
  10. La tua sfida penso sia riuscita in pieno....i tuoi torchietti sono affascinanti di quel color vinaccia e il negramaro io lo assaggerei volentieri ma vedo molto difficile il duo raggiungimento. Splendida ricetta Mari
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria, in effetti il colore è molto invitante, magari se torniamo a Bilbao ti porto una bottiglia di Negramaro.
      Un bacione!

      Elimina
  11. Mari, la tua ricetta è così poetica. Ha davvero tanta passione, e che colori! Ti faccio i miei più sentiti complimenti, la tua ricetta è davvero degna di nota. Un piatto da ristorante in riva al mare.
    :*

    RispondiElimina