mercoledì 8 ottobre 2014

PESCE AL CURRY PER LO STARBOOK REDONE

 



Lo Starbook è un appuntamento mensile al quale non posso mancare ed è sempre grande l’entusiasmo con cui mi butto nel testare nuove ricette, sia quando ho la fortuna di affiancare la squadra delle starbookers, sia quando partecipo al Redone, rifacendo ricette già provate nei mesi passati o tratte da libri già presi in rassegna.

Lo scorso mese di giugno ho avuto l’ebbrezza di partecipare allo Starbook quando ad essere analizzato è stato il libro India in cucina – a cura di Pushpesh Pant, che mi ha letteralmente stregato e mi ha fatto viaggiare con la mente e la fantasia, attraverso i sapori e i profumi sprigionati dalle sue ricette.

Alla fine del mese il libro fu promosso sebbene non a pieni voti perché, se da un lato colpì molto lo sforzo evidente dell’autore di raccogliere in un compendio unico tutta la cucina indiana senza peraltro tentare di “occidentalizzarla”, come avviene spesso con i libri di cucina indiana destinati ad un pubblico estero, dall’altro lato molte delle ricette prese in rassegna si rivelarono non del tutto precise, come simpaticamente ma efficacemente riassunto da Alessandra il tweet per India- The Cook Book potrebbe essere " qui abita la completezza, ma non la precisione".
Ma nonostante ciò, il libro fu “salvato” proprio per la difficoltà di un'impresa di tal genere e per il fatto che fino ad ora niente di simile era mai stato fatto.

E siccome adoro la cucina indiana, ma adoro ancor di più lo Starbook, ho “dovuto” immolarmi alla causa e provare una nuova ricetta di questo libro :)

Era da molto che mi frullava per la testa il desiderio di provare (e mangiare, visto che non mi era mai capitato fino ad ora) un curry di pesce. Quale migliore occasione?

In rosso le mie variazioni ed osservazioni e in calce le mie note.


PESCE AL CURRY DI HYDERABAD – MACHHALI KA SALAN
da India in cucina – a cura di Pushpesh Pant


Ingredienti per 4 persone

- 800 g di filetti puliti di un pesce dalla carne bianca e soda io ho utilizzato delle orate che ho poi sfilettato visto che i filetti già pronti solitamente sono di pesci meno freschi e meno buoni; se le orate sono piccole bisogna calcolare che da ogni pesce si ricavano circa 150/200 g di filetti
- 1 cucchiaio e mezzo di curcuma macinata
- 5 cucchiai d’olio visto che non si specifica che tipo di olio usare io ho utilizzato un olio extravergine d’oliva DOP Riviera Ligure, che per il suo sapore delicato si presta molto bene ad essere usato per i piatti di pesce e che ho pensato adatto per non contaminare eccessivamente i sapori indiani con ingredienti mediterranei
- 3 cipolle tritate
- 2 cucchiai di pasta di zenzero si ottiene, come indicato nell’apposita ricetta che si trova sullo stesso libro, frullando 14 cm di radice di zenzero fresca con 3 cucchiai d’acqua e si può conservare fino a 3 giorni in frigo
- 1 cucchiaino di pasta d’aglio si ottiene, come indicato nell’apposita ricetta che si trova anch’essa sullo stesso libro, frullando 200 g di aglio con 3 cucchiai d’acqua e anche questa pasta si conserva in frigo fino a 3 giorni
- 1 cucchiaio e mezzo di peperoncino in polvere
- 3 cucchiai di coriandolo macinato
- 4 pomodori a pezzetti
- 4-6 peperoncini rossi essiccati non avendo dei peperoncini secchi ma avendone di ottimi freschi e congelati presi dall’orto dei miei suoceri, ho usato quelli facendoli prima cuocere a lungo e a bassa temperatura in forno
- 1 cucchiaio di estratto di tamarindo si ottiene, come indicato nell’apposita ricetta che si trova sullo stesso libro, mettendo 50 g di tamarindo in una ciotola con 4 cucchiai di acqua tiepida, lasciandovelo per 30 minuti e passandolo attraverso un colino per scartarne i residui
- 125 ml di latte di cocco fresco o in scatola per fare in casa il latte di cocco fresco vi rimando a un magnifico post della Mapi
- sale

Disporre i filetti su un piatto da portata e frizionarli con la curcuma e un pizzico di sale. Coprire e mettere da parte.
Scaldare l’olio in una padella grande a fuoco medio, aggiungere le cipolle e soffriggere per circa 5 minuti o finché siano imbiondite. Aggiungere la pasta di aglio e salare, quindi unire il peperoncino in polvere e il coriandolo macinato e cucinare per altri 2 minuti. Unire i pomodori a pezzetti, i peperoncini e l’estratto di tamarindo e rosolare per circa 5 minuti o finché il sugo si sia ristretto e le spezie siano ben amalgamate.
Versare circa 250 ml di acqua e portare a bollore; adagiare con cura i filetti, abbassare la fiamma, coprire e cucinare a fuoco lento per 8-10 minuti o fino a cottura completa del pesce. Scoprire e incorporare il latte di cocco, mescolare lentamente e cuocere ancora per 2 minuti prima di servire.
E la pasta di zenzero dov’è finita?

NOTE

  • I tempi indicati sono 30 minuti per la preparazione e 30 minuti per la cottura e li ho trovati corretti.
  • Come per le altre ricette che avevo avuto l’occasione di provare, ho apprezzato il fatto che per ogni passaggio fosse indicato non solo il tempo di cottura ma anche come deve risultare ciascun ingrediente utilizzato dopo la cottura, in considerazione del fatto che non essendo tutti molto avvezzi a questo tipo di cucina (io per prima) e variando i tempi di cottura a seconda della pentola utilizzata, è importante avere un’idea del risultato. L’unico passaggio che però ho trovato poco corretto, proprio con riferimento ai tempi di cottura, è quello che riguarda le cipolle in quanto si dice di cuocerle tritate nell’olio caldo a fuoco medio per 5 minuti o finché siano imbiondite; seguendo alla lettera questa indicazione le cipolle si sarebbero bruciacchiate e non imbiondite come richiesto quindi ho optato per una cottura a fuoco dolce per fare in modo che le cipolle appassissero prima di colorirsi ma senza bruciarsi.
  • Ho avuto un dubbio per quanto riguardava il coriandolo perché negli ingredienti si indicava di utilizzare del “coriandolo macinato” senza che fosse specificato se si trattasse di foglie di coriandolo fresco o di semi di coriandolo. L’aggettivo “macinato” mi faceva pensare ai semi (che io stessa uso spesso con il pesce perché trovo che gli conferiscano un sapore speciale), in quanto se si fosse trattato di foglie si sarebbe usato il termine “tritato”, ma considerando che in altre ricette erano state riscontrate delle inesattezze e che il sapore delle foglie rispetto ai semi è alquanto differente, ricordandomi che alla fine del libro c’è un utilissimo glossario dedicato proprio agli alimenti più utilizzati nella cucina indiana, sono andata a vedere se ci fosse scritto qualcosa in merito al coriandolo ed effettivamente è stato utile in quanto ho trovato scritto che si tratta di Erbacea annuale di cui la cucina indiana utilizza tutte le parti: le foglie fresche come guarnizione o nel chutney verde; i semi per la finitura, per la marinata alle spezie e alcuni piatti non vegetariani; i semi in polvere (o coriandolo macinato) è tra le spezie più diffuse nella cucina quotidiana. Era quindi chiaro che per coriandolo macinato, anche se non era specificato , si intendeva i semi in polvere.
  • La quantità di peperoncino in polvere indicata è piuttosto consistente, io ho seguito alla lettera la ricetta e non l’ho ridotta perché a noi il piccante piace molto ma volendo, come all’inizio del libro viene spiegato, la dose di peperoncino indicata per ciascuna ricetta si può ridurre per adattarla ai gusti di ciascuno.
  • Ad un certo punto nella ricetta si dice di aggiungere, insieme al pomodoro e all’estratto di tamarindo, i peperoncini secchi, presumibilmente interi visto che non si dice altro. Proprio perché non ho ridotto la dose di peperoncino in polvere, ho preferito non aggiungere i peperoncini in quella fase per paura che, dovendo cuocere ancora per vari minuti, si sarebbero potuti aprire aggiungendo ulteriore piccantezza, a quel punto probabilmente eccessiva, al piatto, preferendo invece aggiungerli a fine cottura e lasciando così a ciascuno la scelta se aprirli nel proprio piatto per amalgamarli al resto degli ingredienti (cosa che poi tutti hanno fatto).
  • La quantità di acqua da aggiungere al sugo prima di adagiarvi i filetti era perfetta. Seguendo le indicazioni, mettendo il coperchio alla pentola e facendo cuocere il pesce per i circa 10 minuti richiesti, il sughetto si è ristretto al punto giusto per formare, insieme al latte di cocco aggiunto per ultimo, una salsina deliziosa e della giusta consistenza.
  • Per quanto riguarda il sapore sono rimasta molto colpita. Non avevo mai mangiato prima un curry di pesce, ma l’idea che mi ero fatta era di un pesce speziato che di pesce doveva sapere ben poco. E credo che sia facile ottenere un piatto “sbagliato”, soprattutto quando l’ingrediente principale è il pesce, se le spezie non sono ben dosate. Invece, in questo caso ho trovato che tutti i sapori fossero molto equilibrati tra loro. La quantità del tamarindo (che avevo sperimentato proprio per lo Starbook preparando una zuppa di pesce persiana, che però in quell’occasione aveva sovrastato tutti i sapori perché utilizzata in dose eccessiva) era perfetta e la sua acidità, insieme alla dolcezza del latte di cocco, è riuscita a conferire al piatto un sapore particolarissimo e molto interessante. Ma la cosa che più mi ha stupito è che, nonostante abbia utilizzato dei filetti di orata, pesce dal sapore abbastanza delicato, la salsa speziata e piccante invece di coprirne il sapore è riuscita ad esaltarlo. Insomma, questo curry di pesce è piaciuto tantissimo e sicuramente lo rifarò.
  • Per accompagnarlo ho usato un riso basmati cotto per assorbimento, come recentemente ho imparato a fare ;)

Ecco, giunta alla conclusione e per le considerazioni fatte sopra, dovrei promuovere senza dubbio la ricetta. Ma che fine ha fatto la pasta di zenzero indicata tra gli ingredienti e poi sparita nel procedimento? Ho scelto di aggiungerla insieme alla pasta d’aglio. Per fortuna questa dimenticanza dell’autore non ha costituito un impedimento ai fini dell’esecuzione della ricetta, al punto da farmi quasi pensare che in fin dei conti non si trattasse di un grave errore. Salvo poi riflettere che se anche la dimenticanza potesse essere superata semplicemente aggiungendo la pasta di zenzero in qualsiasi momento (diverso sarebbe stato non sapere quando aggiungere la cipolla per esempio, oppure il pesce), dimenticarsi un ingrediente in un libro di ricette non può che costituire un grave errore. Ma siccome alla fine la ricetta riesce ed è pure spaziale :) secondo me è:

PROMOSSA (CON RISERVA)

Con questa ricetta partecipo allo Starbook Redone di ottobre 2014. 




25 commenti:

  1. La tua analisi accuratissima non fa che confermare quello che è stato il giudizio sul libro ed alcune sue mancanze, nonostante il fatto che comunque hai ottenuto un piatto non buono, ma ottimo!
    Grazie Mari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, stavolta sono incappata anch'io in una omissione di Mr Pant :) ma alla fine sono rimasta estasiata da questo piatto.
      Grazie a te Stefania :)

      Elimina
  2. Eh vabbè!!! Ho capito che il mese prossimo sullo Starbooks ci finisci tu! :)
    La ricetta è bellissima e amo i curry di pesce! Questo librone ce l'ho pure io ma lo sto usando pochissimo accidenti! Devo tornarci su!!! :)
    E poi mi piace il tuo modo di cucinare! Sei troppo forte!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che le farò tutte le ricette di questo libro e mio ci vorranno i prossimi 50 anni, hai voglia di proposte per il Redone :)
      Questo curry di pesce è stata una vera sorpresa.
      Grazie Fede, un bacione!

      Elimina
  3. Come sempre, hai scritto un post perfetto! Hai analizzato ogni passaggio in modo accurato e ragionato, e mi è venuta voglia di pesce al curry ;)
    "India in Cucina" è un libro che trabocca di passione e amore per la propria terra, che l'autore riesce a trasmettere a chi lo legge... Almeno questo è l'effetto che ha avuto su di me, e anche su di te, esatto?
    Grazie
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara Ale! E' venuta anche a me voglia di rifarlo quanto prima per quanto mi è piaciuto :)
      Siamo assolutamente d'accordo, lo hai definito bene, trabocca di amore e passione per l'India, io ho colto proprio questo, me ne sono innamorata e sono quindi disponibile a perdonare all'autore tutte le sue imprecisioni :)
      Un bacione grande!

      Elimina
  4. che piatto meraviglioso, ma tu riusciresti a rendere favolosa anche una ricetta sbagliata! sei un talento! a presto mia cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo Ale, se una ricetta è sbagliata è sbagliata, io eseguo soltanto :)
      Un bacione grande!

      Elimina
  5. Adoro il curry ma comunque tutte le spezie ed il pesce fatto cosi è sublime. Come al solito complessa ma solo per me :-(( - ma la voglio provare!!!!!
    Un piacerone mi dai in link l'ho perso sulla descrizione completa sia dei vari risi e le loro cotture...l'avevo ma non la trovo più. Grazie un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro le spezie, così tante con il pesce non le avevo mai provate, che bontà pazzesca. No dai, non è complessa, basta prepararsi prima tutti gli ingredienti e poi ci vuole un attimo.
      Ora ti cerco il link, un bacione!

      Elimina
  6. Wow che mirabolante ricetta. In viaggio di nozze ho mangiato curry di tutti i tipi e in tutte le salse, infatti ora fatico ad usarlo, però questa preparazione col pesce mi ispira davvero moltissimo.
    Hai fatto un'analisi meticolosa della ricetta, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In viaggio di nozze hai mangiato curry di tutti i tipi? Non sarai mic stata in viaggio di nozze in India vero? Che viaggio fantastico deve essere stato! Io però credo chenon mi stancherei mai del curry :)
      Grazie mille Monica, un bacione!

      Elimina
    2. No, sono stata in SriLanka e, pur avendo viaggiato poco, posso dire che è un paese che merita di essere visto e vissuto, in lungo ed in largo, dalle montagne del the al mare. Una meraviglia unica, ed è ricordo ancora vivo dopo quasi due anni. Un bacio!

      Elimina
    3. Ma che bello! Ci credo che fosse una meraviglia, viaggi così è impossibile dimenticarseli!

      Elimina
  7. adoro la cucina indiana ma la sua complessità mi spaventa, la tua analisi è molto interessante.
    Figurati che in un libro che ho ma che non mi ha mai convinto " a pelle" si sino dimenticati la farina negli ingredienti ma poi nel procedimento c'è quindo sino andata a piacere! :-D
    bellissimo piatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh mamma, dimenticarsi un ingrediente nelle dosi (soprattutto se si tratta di un ingrediente importante come la farina) è sicuramente molto peggio che dimenticarselo nel procedimento :) lì davverro bisogna andare ad occhio, comunque, considerando la tua bravura giurerei che il risultato sarà stato perfetto, magari meglio anche del libro :)

      Elimina
  8. devo dire che è molto interessante come fare la pasta di zenzero me lo conserverò è un ottima ricetta mi piace la scelta dell'orata come pesce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti è una bella idea la pasta di zenzero, l'ho scoperta anch'io con questa ricetta ed è molto comoda.

      Elimina
  9. Decisamente, devo riprendere in mano quel libro. Mentre leggevo la ricetta pensavo che wow, quel sughetto doveva essere la fine del mondo (anche se il peperoncino mi pareva troppo), ma che di sicuro avrebbe coperto il gusto del pesce. Se tu mi dici però che è vero il contrario mi fido, anche perché amo molto i sapori piccanti e speziati.
    Disamina accuratissima la tua, che non tralascia nulla.
    Per la prossima volta però mandamene una porzione, dai! :-)
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo Mapi, quel sughetto era davvero la fine del mondo :) ed avevo anch'io le tue stesse perplessità. Per quanto riguarda il peperoncino, si può diminuire la dose, forse si può omettere quello intero, ma un po' di piccante in questo piatto ci sta bene, senza non sarebbe la stessa cosa e comunque, nonostante abbia seguito fedelmente la ricetta che ne prevedeva molto, il resto dei sapori era talmente bilanciato che neanche il peperoncino ha preso il sopravvento.
      Comunque, ora che ho scoperto che sei corruttibile, ti manderò sempre un piattino di quello che cucino :)

      Elimina
  10. Tutto molto interessante,ma ció che vorrei é MANGIARLOOOO!! Deve essere buonissimo!!
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììììì, è davvero buono :)
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  11. come al solito arrivo tardi, ma questo tuo post non potevo assolutamente perderlo!
    la tua bravura e precisione sono incredibili, anche questa volta hai realizzato un piatto favoloso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, la ricetta era perfetta, zenzero mancante a parte :)
      Un abbraccione!

      Elimina
  12. accidenti che disanima critica! sembra una tesi di laurea!
    sei stata bravissima, e manco a dirlo, mi hai fatto venire voglia di rifare questo curry :-)

    RispondiElimina