domenica 10 maggio 2015

RHUBARB MERINGUE PIE


Visto che si avvicina la prova costume, io mi dedico ai dolci. Cosa che peraltro non faccio quasi mai (i dolci). Furba no?

E tutto grazie allo scorso week-end trascorso a Graz. Perché non bastavano le prelibatezze stiriane a contribuire all’accumulo di calorie (leggasi pollo fritto e asparagi, anch’essi, ahimè, fritti) nonché una delle più sontuose colazioni che mi sia mai capitato consumare in un’hotel (che mi dite delle zolle di germogli da tagliare sul momento?).

Dicevo, non bastava tutto ciò. Il fatto è che la mia fissa sono i mercati. Adoro viaggiare, mi piace visitare la città in cui mi trovo, perdermi nelle sue vie, visitare i suoi musei, le sue chiese, meravigliarmi davanti alle sue bellezze architettoniche e ai suoi paesaggi. Come ho fatto anche questa volta, camminando per chilometri e arrivando addirittura a perdere la testa, da tanto girava, salendo e scendendo questa antichissima scala a chiocciola doppia.


Ma viaggiare per me significa soprattutto vivere la vita di qualcun altro. Non che la mia non mi piaccia… anzi. È che mi rendo conto che vorrei essere mille persone e vivere in mille posti diversi, ma se anche fosse possibile (cosa che purtroppo non è) il tempo di una vita intera non sarebbe sufficiente. E allora, quando mi trovo in un posto che non conosco o che conosco poco, smetto i panni del turista e indosso quelli degli abitanti del luogo. Li osservo, sbircio nelle loro case attraverso le finestre illuminate, o all’interno dei portoni, li studio attentamente, guardo come si muovono, cerco di coglierne i sorrisi o gli affanni. Spero di capirli, illudendomi di afferrare del posto quel qualcosa di speciale che solo chi vi abita riesce a vedere e appropriarmi così un po’ della sua anima.
E allora vado nei mercati. E faccio la spesa. Come se abitassi al secondo piano della casa là di fronte. Perché per me non c’è nulla, assolutamente nulla che dia maggiormente l’illusione di far parte di un posto quanto far la spesa al suo mercato.
Questo è il mercato dei contadini di Graz, dove ogni mattina a partire dalla sei è possibile trovare frutta e verdura appena raccolta, ma anche fiori e piante.


Tra le varie cose me ne sono tornata a casa con un chilo di rabarbaro, che qui da me faccio molta fatica a trovare. Insomma, l’ho presa un po’ alla larga ma è questo il collegamento tra Graz e questa rhubarb meringue pie, una torta meringata al rabarbaro assolutamente deliziosa.



Pensavo di replicare la ricetta di Martha Stewart, ma non mi convinceva perché del rabarbaro lei dice di usare solo il succo mentre io volevo assolutamente usarne anche la polpa, quindi ho preso un po’ di qua, un po’ di là, e alla fine ne è uscita una versione tutta mia. Vi assicuro che è fantastica, il sapore particolarissimo del rabarbaro si sposa meravigliosamente con la dolcezza della meringa.


RHUBARB MERINGUE PIE

Ingredienti per una tortiera di 22 cm di diametro
per la pasta frolla
200 g di farina
100 g di burro
100 g di zucchero
2 tuorli d'uovo
scorza di limone grattugiata
un pizzico di sale

per il ripieno di rabarbaro
500 g di rabarbaro
150 g di zucchero
15 g di amido di mais
scorza di limone grattugiata

per la meringa italiana (ricetta di Montersino)
200 g di zucchero
50 ml di acqua
125 g di albumi d'uovo
50 g di zucchero

Preparate la pasta frolla.
Mescolate la farina, la scorza di limone  lo zucchero, aggiungete il burro tagliato a pezzetti, formate delle briciole con la punta delle dita, aggiungete i tuorli, impastate velocemente e riponete la frolla in frigo a riposare.

Preparate il ripieno.
Pulite e talgiate il rabarbaro a pezzetti e mettetelo in una pentola insieme allo zucchero e alla scorza di limone grattugiata a cuocere a fuoco lento fino a quando si sarà completamente spappolato, ci vorrà circa mezz'ora. Frullatelo, rimettete sul fuoco, aggiungete l'amido di mais e mescolate fino a quando il composto si addenserà. Fatelo raffreddare.

Preparate la meringa italiana.
Fate sciogliere in una pentola i 200 g di zucchero nell'acqua a fiamma alta fino a raggiungere la temperatura di 121° C. Nel frattempo sbattete gli albumi insieme allo zucchero restante. Quando lo sciroppo avrà raggiunto la temperatura di 121° C versatelo a filo nel composto di albumi continuando a montare senza interrompersi e sino a che il composto si sarà raffreddato. Mettetelo in frigo.

Cuocete la frolla. Preriscaldate il forno a 190 °C. Stendete la frolla e rivestite la tortiera coprendo pure il bordo. Tagliate la pasta in eccesso, bucherellate il fondo con una forchetta, rivestitelo con carta forno, copritelo con fagioli secchi e mettete a cuocere per circa 20 minuti. Togliete i fagioli e la carta forno e cuocete ancora per circa cinque minuti. Togliete dal forno e fate raffreddare.

Versate la crema di rabarbaro sulla frolla, livellatela e coprite con la meringa. Con un cucchiaio formate delle onde sulla meringa. Dorate la superficie con un cannello oppure mettendo la torta in forno caldissimo sotto al grill per qualche minuto.


 
 



11 commenti:

  1. una ricetta difficoltosa e sfiziosissima...
    come mi ispira quella meringa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, per dir la verità non è difficoltosa, sfiziosa sì, su quello ti do ragione :) Per la meringa io farei pazzie!

      Elimina
  2. Conosco molto bene Graz e in tutta l'Austria ci sono i mercati con frutta verdura fiori ecc. fresca vien voglia di acquistare tutto. I ravanelli sono spettacolari. Il rabarbaro loro l'usano moltissimo come anche ora "Holunder" di cui i fiori si friggono buoni e si fa dello sciroppo anche alcoolico. Ne faccio sempre provvista,
    Buona questa meringue pie. Buona giornata,.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graz è davvero bellissima e i mercati in genere anche, io devo sempre trattenermi perchè me ne verrei via con quintali di roba :) Hai visto che belli i ravanelli? C'erano banchetti che vendevano solo quelli. Sono ottimi e dolcissimi, ne abbiamo preso un mazzetto.
      La meringue pie so che purtroppo non è per te, ti prometto la prossima ricetta non sarà un dolce :)
      Un bacione!

      Elimina
  3. Mar, propongo uno scambio di torta...alla faccia della prova costume :-D
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, questa sì che è un ottima idea Annalù :)))
      Baci!

      Elimina
  4. condivido la passione per i mercati sono quelli che ti danno il polso della situazione

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Sì, io credo che dai mercati si possano capire tantissime cose di un popolo. Grazie Günther!

      Elimina
  6. Quanto vorrei avere del rabarbaro per preparare questa delizia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è sempre facile da trovare purtroppo (o per fortuna potrei anche dire :))

      Elimina