martedì 27 novembre 2012

TAGLIATELLE AL TARTUFO BIANCO D'ISTRIA




Ci sono cose che esigono semplicità, anche in cucina. Una di queste è il tartufo.

Perché come tutte le cose che sono già di per sé perfette, qualsiasi orpello inutile potrebbe comportarne la rovina.

Questo è il motivo per cui, quando mi capita per le mani un tartufo (detta così fa un po’ ridere), alla fine lo utilizzo sempre negli stessi modi. Abbinandolo alle uova, alle tagliatelle o al massimo a un bel filetto di manzo.
Gira che ti rigira ricado sempre là.
E allora, come avevo promesso raccontando del week-end in Istria all’insegna di questo fantastico tubero, ecco una ricetta che lo vede protagonista, semplicemente fatto cadere in sottilissime lamelle sopra delle tagliatelle fatte a mano e condite con il burro.

Ho detto che è semplice… non che è facile. Perché per fare delle tagliatelle degne di accompagnare un tartufo (e non viceversa) bisogna assolutamente seguire alcuni trucchetti:
- sembrerà banale ma non tutti lo sanno, il tartufo non deve mai essere cotto
- l’utilizzo di un burro di ottima qualità e anche in dosi abbondanti (per una volta, vista l’occasione, non guardiamo né colesterolo, né linea)
- le tagliatelle vanno rigorosamente fatte in casa (hanno tutto un altro sapore rispetto a quelle comprate)
- le dosi del tartufo: almeno 10 g per persona
- sciogliere il burro prima di condire la pasta, a fuoco dolce, senza farlo bruciare
- saltare le tagliatelle nel burro con un po’ di acqua di cottura per far sì che si formi una cremina

TAGLIATELLE AL TARTUFO BIANCO D’ISTRIA


Ingredienti per quattro persone
200 g di farina 00
2 uova
sale
40 g di tartufo bianco
100 g di burro

Preparate le tagliatelle. Mescolate le uova con la farina e un pizzico di sale facendo una fontana nel centro della farina. Cominciate a sbattere le uova amalgamandole alla farina pian piano, fino ad ottenere una pasta soda ma elastica. Fate riposare la pasta coperta con un canovaccio pulito per circa quindici minuti, quindi tiratela con il mattarello in una sfoglia sottile ma non troppo (comunque lo spessore dipende dai gusti, a me piace che si senta abbastanza la consistenza della pasta). Quindi infarinate la sfoglia e ripiegatene le due estremità verso il centro e poi nuovamente e con un coltello affilato tagliate la pasta a strisce larghe circa mezzo centimetro facendo attenzione a non fare incollare gli strati di sfoglia l’uno all’altro. Formate dei nidi con le tagliatelle che lascerete sulla spianatoia infarinata a riposare.


Portate ad ebollizione abbondante acqua salata. Nel frattempo fate sciogliere il burro a fuoco molto dolce in una padella che possa contenere le tagliatelle una volta cotte e poi spegnete il fuoco.

Pulite il tartufo, mi raccomando, senza lavarlo ma pulendolo con uno spazzolino (ci sono quelli appositi altrimenti si può usare qualsiasi spazzolino pulito) leggermente inumidito, cercando di togliere il più possibile lo sporco.


Immergete le tagliatelle nell’acqua bollente e fatele cuocere per tre o quattro minuti. Scolatele nella padella in cui avete fatto sciogliere il burro, aggiungete uno o due mestoli di acqua di cottura e saltate la pasta nel condimento facendo asciugare leggermente l’acqua con cui si formerà una salsina.

Disponete le tagliatelle in ciascun piatto e servitele grattugiandoci sopra il tartufo a lamelle molto sottili.

12 commenti:

  1. Hai ragione, le tagliatelle fatte in casa hanno tutto un altro sapore...e che sapore avranno le tue! Complimenti! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta! E poi ci vuole così poco per farle. Baci ;)

      Elimina
  2. Ho scoperto da pochi mesi che la pasta all'uovo casalinga è più facile a farsi che a dirsi ...manca il tartufo, però!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti... ci si mette più tempo a pensare se farla o non farla che farla e basta. Per quanto riguarda il tartufo... vabbè , certo non si mangia tutti i giorni. Ma le tagliatelle stanno bene un po‘ con tutto ;) Ciao Claudette e grazie!

      Elimina
  3. Tiene una pinta maravillosa!! Me gustaría hacer pasta casera y viendo tus fotos, parece fácil, así que voy a intentarlo. El aroma de la trufa y la mantequilla.... mmmm!! Un beso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Carmina! De verdad es muy fácil hacer pasta casera y sobretodo merece la pena porqué es buenisima. Intentalo y veràs. Besos

      Elimina
  4. Hai detto bene, anzi benissimo: le cose semplici esigono semplicità per essere esaltate... e semplice non è sinonimo né di facile, né di banale.
    Una ricetta magistrale nella sua favolosa semplicità, perché anche le tagliatelle casalinghe richiedono un minimo di tempo, amore e manualità, ma in cambio ci regalano un sapore che quelle comprate non avranno mai.
    Bravissima Mari, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mapi, i tuoi commenti mi fanno sempre un enorme piacere ;)
      Sì, è vero, richiedono un po' di tempo ma nemmeno così tanto e poi è sempre molto piacevole sapere che quello che stai mangiando è stato prodotto direttamente dalle tue stesse mani. Ciao e grazie!

      Elimina
  5. Mari un sogno. Te lo devo raccontare ..tanti anni faaaaaa un cliente di Alba alla quale per Natale gli avevo fatto pervenire in tempo la sua merce da Trieste, mi mandò come regalo di Natale un tartufo bianco di quelli splendidi. Io non conoscevo questo favoloso tubero (avevo 27 anni) e quando aprì la scatoletta e senti "la puzza" per me - lo gettai nella pattumiera....pensavo che fosse qualcosa andato a male durante il viaggio.
    Quel tartufo di Alba me lo sogno ancora oggi. Non era grandissimo ma diciamo che grattato per 4 volte bastava. :-( piango ancora oggi. Ciaoooo

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia…tartufi…tagliatelle…burro buono….Brava!
    Cinzia

    RispondiElimina
  7. L'ultima volta che ho mangiato le tagliatelle al tartufo fu in una piccola trattoria nel centro di Bologna. Una di quelle un pò rustiche ma con piatti di assoluta qualità. Fra cui, appunto le tagliatelle al tartufo. Ricordo che era fine Novembre, e lo chef/padrone/oste ci portò i piatti fumanti di tagliatelle, rigorosamente al mattarello, condite con solo burro. Poi prese un gran vaso pieno di tartufi neri e con la mandolina per tartufi cominciò a "grattugiarci" sopra così, tout simplement, queste sottili fettine. Uno spettacolo. Proprio come le tue. Grazie per le dritte, mi hai fatto venire una voglia!! un bacione!

    RispondiElimina
  8. Mari, le tue tagliatelle sono uno spettacolo! E mi hai fatto venire una gran voglia di tartufo, ma dovrò aspettare un po' per togliermela... ;)

    RispondiElimina