lunedì 25 marzo 2013

RISOTTO ALLA ZUCCA SCAPPATA



Da quando dissi qui che la Parodi prima di buttare le tagliatelle nell’acqua bollente le spezzettava tutte, non l’ha più fatto. Incredibile ma vero. Mi è capitato di vederla altre due volte (sempre mentre preparo la cena, mi devo giustificare, sento di doverlo fare) e tutte e due le volte doveva preparare delle tagliatelle o pappardelle (sarà forse per lo sponsor? certo che sì vista la confezione tipica giallognola sempre in primo piano), le ha fatte inquadrare per bene dalla telecamera e poi giù, facendole scivolare lievemente nell’acqua in ebollizione, con un piccolo moto della mano che sembra voler significare “visto come si fa? mica si spezzettano!”. Questa evoluzione probabilmente sarà dovuta proprio allo sponsor, che l’avrà redarguita e minacciata di risolvere il contratto se non avesse smesso con lo spezzettamento.
Questo risottino è veramente speciale. La zucca se ne è scappata e infatti non c’è, ha lasciato solo i semi e un buonissimo olio fatto con i semi stessi. L’olio di semi di zucca, dal colore verde intenso, è abbastanza usato in Austria dove viene prodotto soprattutto in Stiria e viene usato per condire delle fantastiche insalate miste e tanti altri bei piattini. Ha un gusto che sa di nocciola, veramente molto buono e particolare, ed è ricco di antiossidanti, vitamina E e selenio.

RISOTTO AI SEMI E OLIO DI SEMI DI ZUCCA



Ingredienti per quattro persone

300 g di riso carnaroli
½ cipolla piccola
½ bicchiere di vino bianco
brodo vegetale (preparato con sedano, carota, cipolla)
3 cucchiai d’olio
1 bustina di zafferano in polvere
40 g di semi di zucca (circa due cucchiai)
1 noce di burro
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
olio di semi di zucca

Versate l’olio in un tegame basso e largo, unite la cipolla tritata molto finemente e fatela stufare a fuoco dolcissimo fino a che diventa trasparente, facendo attenzione a non farla dorare.

Aggiungete il riso, alzate il fuoco e fatelo tostare per un paio di minuti fino a che diventerà traslucido ed emetterà un leggero sfrigolio.

Aggiungete il vino, fatelo evaporare del tutto e poi cominciate ad aggiungere poco brodo caldo alla volta, aspettando che si sia consumato il brodo versato prima di aggiungerne dell’altro, mescolando il risotto e portatelo a cottura.

A tre quarti di cottura aggiungete al risotto i semi di zucca (tenendone da parte alcuni per la decorazione) e lo zafferano fatto sciogliere in un po’ di brodo e continuate a cuocere.

A cottura ultimata spegnete il fuoco, mantecate il risotto con il burro e il parmigiano e lasciatelo riposare per qualche minuto.
Disponete il risotto nei piatti e servitelo con un giro di olio di semi di zucca.

*******

Colgo l'occasione di ringraziare Mila del blog Il mestolo birichino per avermi assegnato un premio, cosa che come sempre mi fa un enorme piacere. Dovrei raccontare sette cose di me e siccome l'ho già fatto recentemente vi rimando qui. Grazie Mila e scusa per il ritardo!

16 commenti:

  1. Mari, il "risotto alla zucca scappata" è troppo forte! I semi e l'olio di zucca sono buonissimi, ma non avevo mai pensato di aggiungerli al risotto: grazie! I semi li utilizzo molto nelle insalate, ma anche sgranocchiati da soli sono deliziosi.
    La tua idea mi piace un sacco, ma ho solo un dubbio sulla quantità del brodo, perché ½ litro mi sembra poco. Sulla quantità di riso non faccio testo, perché, quando si tratta di risotto, io esagero sempre nelle dosi, sperando che avanzi (ma non succede quasi mai...).
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, grazie! Hai perfettamente ragione, 1/2 litro di brodo per quella quantità di riso è assolutamente insufficiente, non so da dove sia saltata fuori. Appena riesco correggo :)
      I semi di zucca piacciono molto anche a me e trovo che si possano usare in vari modi, ottima l‘idea dell' insalata. E per quanto riguarda l‘olio... ne vado letteralmente pazza.
      Ciao, a presto.

      Elimina
  2. Mari non è possibile io vado pazza per i semi di zucca e l'olio di zucca, l'ho assaggiato e poi usato per condire l'insalata ma questa idea di utilizzarlo col risotto e' davvero geniale lo devo rifare
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace tantissimo l‘olio di semi di zucca e col risotto non è niente male, è un modo diverso per utilizzarlo. Ciao Ilaria e grazie!

      Elimina
  3. Per me è stato un piacere perchè sono convinta che te lo meriti e questo piatto ne è l'ennesima conferma!!!!

    RispondiElimina
  4. Il verde e il giallo insieme funzionano molto... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti l'effetto cromatico non è male, però l'effetto gustativo lo supera ;))

      Elimina
  5. Stupendo il tuo risotto, sembra un quadro di un pittore! non sapevo dell'olio di semi di zucca, il suo colore è veramente bellissimo e crea un contrasto meraviglioso con il risotto.
    E se fa pure bene con quelle preziose sostanze allora è il caso di provarlo!
    Un bacione e complimenti, le tue ricette sono sempre bellissime!
    A presto, Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy, grazie! Se non l'hai mai provato l'olio di semi di zucca devi assolutamente cercarlo (non è proprio facilissimo da trovare) perchè sono sicura che ti conquisterà per quanto è buono e particolare.
      Un bacio!

      Elimina
  6. che idea simpatica dopo le vengole scappate la zucca scappata, noi ogni tanto utilizzamo olio di zucca per l'insalata a me piace molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Günther, anche per condire l'insalata è molto buono, la rende completamente diversa da un'insalata condita con l'olio extravergine d'oliva (comunque buonissimo ovviamente). A me piace soprattutto con l'insalata di patate.

      Elimina
  7. Mari è vero, l'olio di semi di zucca è speciale (proprio come il tuo risotto)! Confermo, in Stiria ce n'è una grande produzione, il suo utilizzo è del tutto simile a quello che noi in Italia facciamo dell'olio d'oliva... sia in Slovenia che in Austria hanno degli enormi stabilimenti dove producono quest'olio, che credo sia il vero tocco di classe di questo tuo piatto che solo a vedersi fa venir voglia di gustarlo!
    Bravissima come sempre!
    Adesso corro a vedere la tua fideuà cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che in Slovenia per dir la verità non l'ho mai visto? Mi informerò. Io di solito mi rifornisco quando vado in Austria, ma non in grandi quantità perchè quest'olio non ha una lunghissima durata.
      Grazie mille Raffaella, come sempre mi fanno piacere le tue visite e i tuoi complimenti.
      Un bacione!

      Elimina
  8. Ciao Mari, veramente una bella idea questo risotto!!! E carino tutto il blog, mi è piaciuto tanto ... e mi sono iscritta tra gli affezionati lettori, perchè non voglio perdermi le novità!!! Se ti va di conoscermi, mi trovi qui! http://architettandoincucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina, grazie, piacere di conoscerti e ora passo da te!

      Elimina