lunedì 26 maggio 2014

PHILADELPHIA CHEESESTEAK, FRENCH FRIES E QUICK KETCHUP PER LO STARBOOK REDONE




Ma quanto mi diverto a partecipare allo Starbook Redone :) Ed eccomi qui di nuovo con Martha Stewart, questa volta alle prese con una, anzi due, ma che dico, ben tre americanate che più americanate di così non si può. Un panino bello imbottito e saporitissimo tipico di Philadelphia e che infatti si chiama Philadelphia cheesesteak o anche, per gli amici :), Philly cheesesteak, delle patatine fritte a regola d’arte e una salsa ketchup velocissima.

Mi piace questo libro, Martha’s American Food, mi sa che l’ho già detto, e nonostante ormai non sia più una novità editoriale non posso fare a meno di continuare a provare queste ricette perché ogni volta diventano uno spunto per conoscere un po’ di più, attraverso la sua cucina, questo territorio affascinante che sono gli Stati Uniti, dove non sono mai stata e che tanto mi piacerebbe visitare.

Il Philadelphia cheesesteak fa parte dei submarine sandwich, che sono dei panini lunghi aperti su un lato che vengono farciti con qualsiasi cosa possa essere suggerito dalla fantasia, carni di ogni genere, verdure, formaggi, salse. Ogni zona degli Stati Uniti ha un nome per definire questo tipo di sandwich, che spesso viene associato all’Italia o alla Francia, in quanto si ritiene che fu ideto su ispirazione del pane italiano o francese, si pensi per esempio alla baguette, ed infatti si dice che a inventarlo fu la comunità italo-americana sul finire del 1800. Il termine submarine deriva dalla sua forma allungata che ricorda appunto un sottomarino, anche se le storie sull’origine del suo nome sono varie.

Nella zona di Philadelphia viene chiamato hoagie e anche qui ci sono molte storie diverse sull’origine del nome. Per alcuni si deve agli italiani che lavoravano, durante la prima guerra mondiale, nei cantieri navali di Philadelphia, conosciuti come Hog Island, e che mangiavano carne, formaggio e verdure inserendo il tutto tra due fette di pane e per questo il panino divenne noto come sandwich Hog Island, abbreviato in hoggies e poi hoagie. Un'altra storia lo vuole nato alla fine del 1800 nella comunità italiana di South Philadelphia, ancora oggi abitata da una rilevante comunità italo-americana, quando la parola hoke era un termine slang per indicare una persona indigente. Le gastronomie del posto si liberavano degli scarti di formaggi e salumi utilizzandoli come farcitura di un tipo di pane italiano che veniva definito hokie, parola che però dagli italiani veniva pronunciata hoagie. Insomma, gira che ti rigira, gli italiani in qualche modo nell’origine di questo panino c’entrano sempre. Panino che ora è stato dichiarato il sandwich ufficiale di Philadelphia.

In altre parti degli Stati Uniti, come ci racconta anche Martha Stewart viene chiamato hero (New York). grinder (New England) e anche italian sandwich (Maine).

Per quanto riguarda il Philadelphia cheesesteak in particolare, si dice che fu inventato dall’italo-americano Pat Olivieri negli anni venti, per poi diventare lo street food per eccellenza della città di Philadelphia. Oltre al fatto che prevede l’utilizzo del pane hoagie, è caratterizzato da un ripieno a base di carne tagliata sottilissima, saltata su una piastra e mescolata insieme a cipolla, anch’essa saltata, e formaggio, solitamente provolone dolce. Una vera bomba J. E come dice Martha “per finirne uno bisogna avere un robusto appetito e tanti tovaglioli”.

PHILADELPHIA CHEESESTEAK
da Martha Stewart - Martha’s American food


Ingredienti per quattro panini
700 g di bistecche di manzo
4 cucchiai di olio d’oliva
2 cipolle affettate sottilmente
300 g di provolone affettato sottilmente
4 panini morbidi scaldati e tagliati a metà
peperoni italiani sottaceto per servire (facoltativi)

Arrotolare strettamente le bistecca formando un cilindro e avvolgerla saldamente in una pellicola. Metterla nel freezer e lasciarla per 45 minuti senza farla congelare del tutto. Togliere la pellicola e, lavorando rapidamente, tagliare la carne in strisce sottilissime , quasi come a piallarla. Riporla in frigorifero fino a quando sarà il momento di cucinarla.



Scaldare una grande padella di ghisa o una piastra a fuoco medio-alto, aggiungere due cucchiai di olio d'oliva. Cuocere le cipolle mescolando fino a farle caramellare per circa 10 minuti. Trasferirle in una ciotola, coprirle e mantenerle calde.
Aggiungere i restanti 2 cucchiai di olio d'oliva nella padella, cuocere la carne, se necessario poca alla volta, fino a farla diventare leggermente dorata, mescolandola spesso da 3 a 5 minuti, aggiungendo dell’altro olio di oliva se necessario.
Unire mescolando la carne alla cipolla, quindi aggiungere il formaggio e mescolare fino a farlo amalgamare e fondere. Mettere il composto nei panini e servire immediatamente, con i peperoni se si desidera.

NOTE
- La carne indicata è il top round, che dovrebbe corrispondere al muscolo della coscia posteriore, da noi anche chiamato scamone.
- Il provolone viene chiamato white provolone, da quello che ho letto dovrebbe corrispondere al nostro provolone dolce.
- È importante, nel tagliare i panini, inciderli lateralmente senza dividerli del tutto, in maniera tale da poter infilare il ripieno senza che si aprano in due.
- Per quanto riguarda la cottura della cipolla, nel libro si dice di cuocerla a fuoco medio-alto per circa 10 minuti fino a farla caramellare. Noi italiani non siamo molto abituati a cuocere la cipolla in questo modo, ma devo dire che nell’insieme questo tipo di cottura le conferisce quella grinta in più che ben si combina con il resto degli ingredienti, anche se io ho dovuto cuocerla meno di 10 minuti altrimenti più che caramellata diventava bruciata.
- Il trucchetto per fare in modo di tagliare la carne in fettine sottilissime è geniale. Arrotolando le bistecche e lasciandole nel congelatore per 45 minuti non si congelano del tutto ma si induriscono quel tanto che basta per poterle tagliarle sottilissime, ricavandone delle striscioline fini e strette, cosa che sarebbe impossibile riuscire a fare altrimenti. In questo modo la carne sulla piastra calda si cuoce subito, diventando dorata e rimanendo comunque morbidissima.
- Il provolone ha fatto un po’ di fatica a sciogliersi e ad amalgamarsi al resto degli ingredienti. In rete ho visto che generalmente il formaggio non viene tagliato a pezzetti per essere mischiato alla carne e alla cipolla bensì viene messo direttamente a fette sulla carne quando questa è cotta dove viene lasciato qualche istante giusto per farlo fondere e per poi essere messo dentro al panino insieme alla carne e alle cipolle. Probabilmente il metodo tradizionale è migliore in quanto il formaggio, rimanendo più separato dalla carne, non tende a formare un malloppo come invece succede mischiando tutto insieme.
- Nel leggere inizialmente gli ingredienti della ricetta mi è subito saltato agli occhi il fatto che non fosse previsto l’utilizzo del sale, nemmeno un grammo. Mi sono chiesta se si fosse trattato di una dimenticanza, visto che in fin dei conti sulla carne un po’ di sale ci va sempre, o se invece fosse stata un’omissione voluta. Ovviamente ho seguito la ricetta, non ho usato sale e mi sono piacevolmente resa conto che la sua mancanza doveva essere sicuramente voluta visto che il ripieno anche senza sale è assolutamente saporito, il sapore della carne leggermente abbrustolita si sposa perfettamente con la dolcezza delle cipolle e il tutto viene esaltato dal provolone che conferisce quella leggera sapidità che altrimenti mancherebbe.

CONCLUSIONI
Per concludere, sembrerebbe una ricetta banale, in realtà sono molto importanti secondo me le dosi degli ingredienti e le indicazioni sulla cottura per far sì che il risultato finale sia buono, perché è molto facile, visto la mescolanza di carne, formaggio e cipolle, ritrovarsi con un panino sbilanciato nei sapori.
Quindi, nonostante l’indicazione sul tempo di cottura delle cipolle che ho trovato eccessivamente lungo, il risultato era ottimo, un vero sandwich americano, imbottito e saporito e per questo la ricetta è 

PROMOSSA


E se si vuole chiudere in bellezza, il nostro Philadelphia cheesesteak può essere accompagnato da delle classicissime patatine fritte. Con questa ricetta Martha ci spiega il trucco per farle diventare croccanti e ci dà anche una ricetta per preparare una salsa ketchup velocissima con cui accompagnarle.

FRENCH FRIES
 da Martha Stewart - Martha’s American food



Ingredienti

6 patate, pelate e tagliate in bastoncini dello spessore di circa un centimetro
2 litri di olio dal sapore neutro
sale grosso

Mettere le patate in una ciotola capiente, coprirle con acqua fredda e lasciarcele per 8 ore. Sgocciolarle, sciacquarle e asciugarle.
Scaldare l’olio in una grande casseruola fino a fargli raggiungere la temperatura di 150° C misurandola con un termometro adatto alla frittura. Coprire due teglie con carta da cucina. Mettere le patate nell’olio poche alla volta facendo attenzione. Cuocerle per 3 o 4 minuti girandole ogni tanto (non si devono colorare troppo). Usando una schiumarola o un ragno trasferire le patatine sulla teglia con la carta da cucina e farle asciugare. Farle raffreddare. Aumentare la temperatura dell’olio fino a fargli raggiungere 180° C. Friggere le patate poche alla volta per 3 o 4 minuti fino a farle dorare. Trasferire le patate sulla carta da cucina per farle asciugare. Salarle e servirle immediatamente.

QUICK KETCHUP


Ingredienti
150 g di pomodori tritati in scatola
2 cucchiaini e ½ di light-brown sugar
2 cucchiaini e ½ di aceto di sidro
1 pizzico di chiodi di garofano tritati


Scaldare una piccola casseruola a fuoco medio, mescolare insieme i pomodori, il brown sugar, l’aceto e i chiodi di garofano. Portare a ebollizione, ridurre il calore e cuocere a fuoco lento fino a farlo addensare per 2 o 3 minuti. Fare raffreddare completamente prima di servire o conservare. Si può conservare in frigorifero in un contenitore ermetico fino a due settimane.


NOTE
- È vero, le patatine fritte così rimangono croccanti. Un po’ perché stando a bagno per tante ore perdono parecchio amido e un po’ per il fatto che vengono cotte due volte a diversa temperatura. Sapevo già di questo metodo ma non l’avevo mai provato. Questa ricetta fornisce l’esatta temperatura dell’olio in cui vanno fritte le patatine. Però che noia doverla misurare con il termometro, friggere le patatine, scolarle, rimisurare la temperatura, rifriggerle, riscolarle. Insomma, buone ma non so se il gioco vale la candela.
- Non so se ho capito male io, per l’utilizzo dell’olio si parla di olio dal sapore neutro come il sufflower che a me risulta essere olio di cartamo. Se fosse così non sapevo che si potesse usare per friggere, ad ogni modo a me le patatine piace friggerle nell’olio extravergine d’oliva e così ho fatto.
- Per quanto riguarda la salsa è davvero ottima, molto simile all’originale come sapore. Non avrei mai immaginato che il brown sugar e i chiodi di garofano fossero gli ingredienti che dessero da soli il caratteristico sapore del ketchup.
- Per quanto riguarda il brown sugar si può facilmente e velocemente fare in casa, basta avere della melassa e mescolarla a dello zucchero semolato, 1 cucchiaio di melassa per 200 g di zucchero. Il light-brown sugar qui utilizzato si ottiene mescolando in pari quantità brown sugar e zucchero bianco, è praticamente un brown sugar con una quantità di zucchero bianco maggiore. Ringrazio la mia amica Flavia per le dritte in materia.


Per quanto riguarda il pomodoro, io ho utilizzato la nostra conserva, forse per quello ho dovuto farlo cuocere un po’ di più rispetto al tempo indicato nella ricetta, in cui si dice di farlo addensare cuocendolo per 2 o 3 minuti. Ovviamente dipende dalla densità iniziale del pomodoro, per fare addensare quello che ho utilizzato ci sono voluti quasi dieci minuti.

CONCLUSIONI
Due ricette semplicissime, ben spiegate come sempre, per due specialità ormai conosciute e consumate in tutto il mondo. Seguendo Martha il risultato finale sono delle patatine belle croccanti e una salsa ketchup molto buona e simile all’originale, quindi entrambe le ricette sono, anche in questo caso

PROMOSSE

Con queste ricette partecipo allo Starbook Redone di maggio.

 



22 commenti:

  1. trii is megl' che uan! un paninone bello ricco che buca lo schermo, delle patatine meravigliose e un ketchup fantastico! Mari, io promuovo te!!

    RispondiElimina
  2. Mariiii!!!!
    Mesi e mesi che rimiro questo panino e quello con le polpette sul librone della Martha e non li ho ancora provati!
    Mi hai messo una voglia di sperimentare che neanche immagini! 3 ricette stupendeeee!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede!!! Vogliamo parlare di quello con le polpette? E se ti dico che ero molto indecisa tra i due? Poi ho deciso che era troppo peccaminoso :)

      Elimina
  3. Quel libro è spesso aperto sul bancone della mia cucina, lo adoro. Anche le ricette semplici per venir bene hanno bisogno di consigli e proporzioni azzeccate, cose che non mancano nelle opere della super MArtha.
    E perfetta tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Stefania, aggettivo azzeccato per la Martha "super". Anch'io lo adoro quel libro e l'ho scoperto proprio grazie a voi :)

      Elimina
  4. Wow!!!
    Questo americanissimo insieme di "junk food" fatto in casa (quindi quasi per nulla "junk") è veramente una bomba!
    Con i chiodi di garofano nel ketchup mi hai aperto un mondo! Non ne avevo idea!
    Complimenti davvero Mari, per la scelta e per l'esecuzione! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti un po' junk lo è (ma nemmeno tanto, per lo meno non più di tanti altri piatti) ma ogni tanto qualche bomba di questo genere solleva l'umore :))
      I chiodi di garofano nel ketchup fanno la differenza, finalmente ho scoperto perchè tutte le volte che ho provato a riprodurlo da me fallivo miseramente :)

      Elimina
  5. ecco...una cosa del genere mio marito la mangerebbe ad occhi chiusi e in poch secondi...fa davvero una gola incredibile! ciao carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio quello che ha fatto mio marito quando gliel'ho preparato, occhi chiusi e pochi secondi :)))
      Ciao Ale, baci!

      Elimina
  6. Questo panino è una delle cose che mi fanno venire nostalgia degli Stati Uniti, un paese che adoro e dove spero di tornare presto! Martha è sempre una garanzia ma tu hai saputo sviscerare una ricetta solo apparentemente facile, svelando tips&tricks ;-) assolutamente preziosi! una domanda: non ho capito bene quando dici di alzare la temperatura dell'olio a 180° cioè devi cuocere le restanti patate a quella temperatura? tu tifi la Nazionale di calcio? io sì e in maniera anche esagerata!! :-D questo potrebbe essere un menù perfetto da gustare davanti alla TV! :-D con birrino al seguito, ovviamente! baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Francy, così c'era scritto sulla ricetta, di friggerle prima a 150° C circa (in realtà erano 310 F) e poi di farle raffreddare, aumentare la temperatura dell'olio fino a 180° C (350 F) e rifriggerle.
      Anch'io sono una tifosa di calcio :) mi hai dato un'ottima idea per i prossimi mondiali, paninozzo straimbottito e birrino :)
      Bacioni!

      Elimina
  7. questo fatto cosi me lo mangerei anche subito

    RispondiElimina
  8. Caspita, questa sì che è una cena junk food, ma assolutamente non junk food.. già mi immagino, spalmata sul divano, film e questo panino fra le mani. E quelle patatine con doppia frittura, proprio come fanno in Belgio!!
    Bravissima, Mari, una cena divano coi fiocchi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, teoricamente junk ma praticamente no, vabbè dai, un poco sì, se non altro per la presenza di carne e formaggio insieme che io evito sempre. Però almeno gli ingredienti sono selezionati :)
      Mi piace la definizione di cena da divano :)

      Elimina
  9. Ciaoo oggi piove e fa freddino di notte 9 gradi di giorno clado clima continentale ma siamo in vacanza quindi va bene tutto. Un salutone e questo lo faccio quando torno. Patatine si sentito anch'io ma ho paura che poi siano troppo grasse per me ma le provo..una tantum. bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo! Certo che in vacanza va bene tutto, sempre bello è, però speriamo che faccia un po' più caldo e bello nei prossimi giorni dai :)
      Beh, in effetti le patatine fritte un po' grasse lo sono...
      Ciao Edvige, un bacione e buone vacanze!

      Elimina
  10. E che è?!?!? tre ricette in un post solo?!?!
    punto, punto e virgola, due punti, come direbbe Totò?!?!
    bravissima mari, un post fantastico.
    il ketchup della marthona mi era sfuggito, ero alla ricerca di una ricetta di ketchup veloce per affrancarmi da quello industriale, per la prole (e non solo...) lo farò subito!
    bravissima e grazie per aver partecipato al Redone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre ricette ma che vanno tutte e tre a braccetto :)
      Provalo il ketchup Gaia, davvero sorprendente, molto simile a quello classico ma sicuramente più genuino.
      Grazie a te e alle tue "colleghe" :)

      Elimina
  11. Ma che meraviglia!!!
    Mi hai fatto venire una grandissima voglia di provarlo!
    Brava Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a me sta tornando voglia di rifarlo :)
      Grazie Mapi!

      Elimina